24 giu 2008

Dove iniziano i nostri viaggi?


Mi sono sempre domandata dove inizino veramente i nostri viaggi. Forse per alcuni in agenzia di viaggi, magari per altri all'aeroporto, oppure in stazione. Per molti di quelli che soffrono la paura di volare, o di affidarsi ad un mezzo di trasporto che non possono controllare, i viaggi iniziano proprio fuori l'albergo presso il quale hanno riservato una stanza. Per quanto riguarda il primo dei miei viaggi a Londra, sono arrivata in città ad agosto del 2003: era il pomeriggio del 12 ed era una giornata molto calda. Non ero sola ero insieme al mio fidanzato, che coltiva la mia stessa passione per l'Inghilterra e al tempo era anche il mio compagnio di studi all'Università. Londra ci ha accolti regalandoci le giornate più calde dell'ultimo secolo; il clima insolitamente caldo e il cielo sereno e limpido mi hanno stupito immeditamente. Primo elemento di stupore:ma Londra sapeva fare di meglio! All'aeroporto di Stansted abbiamo preso il treno per Liverpool Station, alla stazione siamo usciati dai tornelli dei biglietti e ci siamo fermati immobili ad aspettare mentre io mi guardavo intorno quasi immobilizzata. Il sentimento che provavo era paura di essere delusa dalla città, come se mi trovassi al primo appuntamento con una persona con la quale avevo solo scambiato delle lettere. Dovevamo aspettare Andrea, una persona speciale che ci avrebbe ospitato e che io ancora non conoscevo. Andrea è arrivato subito e, dopo i saluti ci ha detto di seguirlo: ha preso la mia valigia, se l'è portata sopra la testa e tenedola con enrambe le mani è uscito in Strada su Liverpool Street. Intimidita, sono uscita anche io e ci siamo incamminati a piedi per i vicoli. Così è iniziato il mio viaggio a Londra, dietro un giovane sorridente che teneva in testa la mia valigia.

2 commenti:

eli ha detto...

eh, già: dove iniziano i nostri viaggi? credo in parte che inizino nel momento stesso in cui compriamo il biglietto, in cui ci predisponiamo alla partenza, al movimento, al distacco, alla scoperta. poi ricominciano prima dell'imbarco, e durante il trasporto. e poi ancora arrivati sul posto. i nostri viaggi forse iniziano continuamente. ed è per questo che sono così belli.

the Trump ha detto...

La tua descrizione di Londra, sembra un racconto di Dickens, questa tua paura di rimanere delusa, ed il racconto che si conclude al tuo arrivo, lascia con il fiato sospeso.
Aspetto il resto della storia, mi sento sulle spine.